Come mettere in sicurezza la tua abitazione

Come mettere in sicurezza la tua abitazione

Secondo una ricerca pubblicata dal centro studi “Transcrime” delle Università di Milano e di Trento ogni 2 minuti in Italia viene svaligiata una casa: 238.000 furti in abitazione denunciati nel 2012, con un aumento del 114% rispetto al 2004 (tratto da “L’Espresso” - 13/03/2014).

Come facciamo a verificare e migliorare la sicurezza della nostra abitazione? Questo articolo nasce con l’obiettivo di fornire indicazioni utili sulla protezione anticrimine dell’abitare.

Analisi di rischio

Una persona attenta alla protezione della propria abitazione dovrà cercare di mettersi nei panni del malvivente per meglio contrastarlo. Un malvivente difficilmente attacca un obiettivo senza aver prima pianificato l’attacco, solitamente effettua una ricognizione del sito acquisendo così tutti gli elementi necessari per valutare la rischiosità dell’azione. Ecco la ragione per la quale il proprietario di un’abitazione in un condominio o di una villetta, dovrebbe effettuare in proprio una prima analisi di rischio, non diversa da quella che effettuerebbe il malvivente. Queste informazioni potranno poi essere fornite all’installatore di fiducia, agevolandone il lavoro progettuale. Occorre quindi:

  1. analizzare l’abitazione dall’esterno, valutando le possibilità che tubazioni del gas, grondaie, balconi e finestre adiacenti, possano essere utilizzati per introdursi nell’abitazione;
  2. valutare le condizioni di illuminazione del perimetro dell’abitazione, perché è evidente che le zone oscure possono facilitare l’intrusione;
  3. valutare con serenità e anche con una certa “decisione”, il livello di resistenza delle difese perimetrali: tapparelle in legno e in plastica presentano scarsa resistenza a un attacco, mentre delle robuste inferriate e delle tapparelle in metallo sono indubbiamente un efficace deterrente;
  4. valutare il grado di permanenza delle persone nell’abitazione e in quelle vicine: il ladro, infatti, cercherà di portare a termine l’intrusione, quando il numero di persone che potrebbero osservarlo o percepire rumori insoliti è ridotto al minimo
  5. valutare il grado di difesa dell’abitazione in relazione a quelle vicine: è evidente che se sullo stesso pianerottolo si affacciano tre appartamenti simili, due dei quali sono dotati di porte blindate e il terzo no, quest’ultimo potrà essere un obiettivo più attraente per il malvivente;
  6. valutare situazioni dinamiche, come l’allestimento di un ponteggio temporaneo, che potrebbe facilitare la scalata all’edificio.

Porta di ingresso
Poiché le statistiche dimostrano che la porta è una delle vie più frequenti di penetrazione, la tua attenzione deve innanzitutto concentrarsi sull’installazione di una robusta porta blindata. Una buona porta blindata in classe 3 o 4 antieffrazione dotata di un cilindro a profilo europeo di sicurezza, defender antishock, spioncino grandangolare e limitatore di apertura è sufficiente per tenere alla larga malintenzionati e truffatori. Per scassinare una blindata con queste caratteristiche è necessario più tempo e l’utilizzo di utensili rumorosi che scoraggiano il ladro dal tentare di aprire la porta. Sono disponibili sul mercato anche porte blindate più sofisticate con meccanismi di chiusura automatizzati e sistemi di apertura con impronta digitale.

Finestre e Portefinestre
Per proteggere le finestre e le porte sono disponibili numerose soluzioni più o meno invasive a livello estetico. Se gli infissi sono già presenti possiamo installare tapparelle avvolgibili in acciaio, molto pesanti e difficili da sollevare al contrario di quelle più leggere in plastica. Oppure possiamo sostituire le persiane esistenti con nuove persiane blindate in acciaio e serrature di sicurezza. Ultima opzione è l’inserimento tra i serramenti e il sistema di oscuramento (persiana, scuro o tapparella) di una grata fissa, apribile o estensibile. Se invece state acquistando nuove finestre è bene valutare serramenti con configurazioni di sicurezza. Finstral per esempio propone 2 livelli di sicurezza per gli infissi in pvc, aggiungendo punti di chiusura perimetrali sul telaio e rinforzi in acciaio in prossimità della maniglia, vetri blindati e stratificati e meccanismi di chiusura con chiave.
I materiali e l’evoluzione tecnologica delle lavorazioni rendono i prodotti per la sicurezza estremamente gradevoli a livello estetico e sono realizzabili in numerose colorazioni e finiture.

Le serrature di sicurezza
In pratica, è ben difficile che un ladro possa introdursi in un appartamento senza violare una o più serrature. Il malvivente può adottare delle tecniche brutali, spezzando o perforando la serratura, oppure può adottarne di più sofisticate, come la manipolazione con grimaldelli e chiavi false. Ecco perché è indispensabile che tutte le serrature che portano all’abitazione,comprese la serratura del cancello, o la serratura del portone d’ingresso del palazzo, siano di ottima qualità e, soprattutto, utilizzino chiavi a duplicazione controllata. In genere, queste chiavi non sono facilmente duplicabili presso un qualsiasi ferramenta, ma occorre recarsi presso serraturieri specializzati e presentare un tesserino, che convalida la legittimità della richiesta di duplicazione. L’uso di queste particolari serrature e chiavi offre, inoltre, un ulteriore elemento di sicurezza, qualora si debba temporaneamente affidare la chiave a terze persone e si voglia essere certi che, durante il periodo di affidamento, non possano realizzare copie abusive.

Porte garage e finestre da tetto
Gli ultimi punti vulnerabili per accedere ad un’abitazione rimangono l’ingresso dalla porta garage e la finestra da tetto o lucernaio. Per le porte garage esistono soluzioni realizzate con porte sezionali in acciaio motorizzate che grazie al peso, alla meccanica del sistema di apertura e agli accorgimenti di sicurezza rendono difficilissimo il sollevamento del portone e l’intrusione di malintenzionati. La finestra da tetto può essere protetta all’esterno da un avvolgibile blindato in acciaio motorizzato, azionabile tramite un comando radio, e una volta chiuso rende impossibile l’apertura e l’accesso al vetro del lucernaio.

Procedure e raccomandazioni di sicurezza
Queste sono le indicazioni da considerare sempre per mantenere elevato il livello della protezione domestica:

  1. dopo avere effettuato la prima analisi di rischio, non ti accontentare e ripeti, a intervalli irregolari questo importante esame. Ad esempio, una modifica della situazione ambientale potrebbe aumentare il rischio di intrusione (rifacimento della facciata?);
  2. numerose persone sono state derubate perché, uscite di casa per pochi minuti, hanno ritenuto che non valesse la pena mettere l’abitazione in sicurezza, bloccando le tapparelle e attivando gli impianti di allarme. Ogni volta che l’abitazione viene abbandonata, anche per un breve periodo, ricordati di attivare tutte le misure di sicurezza;
  3. è utile che tutti i familiari siano al corrente dell’esistenza delle misure di sicurezza e che sappiano attivarle, anche da soli, ma è sconsigliabile divulgare troppe informazioni sui propri dispositivi di sicurezza a persone che non appartengono alla stretta cerchia familiare;
  4. presta attenzione, leggendo la cronaca quotidiana della città, a notizie relative a malviventi che usano nuove tecniche di attacco, che dovrebbero essere immediatamente recepite per mettere a punto appropriate contromisure. Nel dubbio, consultati sempre con degli esperti, perché a volte i cronisti riferiscono notizie inesatte, circa le modalità di attacco dei delinquenti;
  5. se hai anche il più piccolo dubbio che le chiavi di sicurezza dell’abitazione, come quelle della porta blindata o della cassaforte, siano state per qualche ragione compromesse, provvedi sempre all’immediata sostituzione delle serrature. Questa raccomandazione è particolarmente valida, in caso di smarrimento accidentale di una chiave; in questo caso l’unico comportamento di sicurezza accettabile è l’immediata sostituzione della serratura;
  6. se ignoti sottraggono a un membro della famiglia una borsa con le chiavi di casa e i documenti, avverti subito un vicino di tenere sott’occhio l’appartamento.

I nostri Partners